Il tartufo in Abruzzo - Regal Truffle

Il tartufo in Abruzzo

By 11 Giugno 2020 Sul tartufo

L’Abruzzo è una delle regioni leader in Italia per la produzione di tutte le principali specie di tartufo, inoltre, il tartufo abruzzese è un prodotto PAT, fiore all’occhiello dell’agricoltura italiana di qualità


Come abbiamo avuto modo di ricordare in più di un’occasione, l’Italia è tra i Paesi che producono ed esportano la maggior quantità di tartufo nel mondo.L’Abruzzo, in particolare, è una delle regioni leader in Italia per la produzione di tutte le principali specie di tartufo.

Il tartufo in Abruzzo

In Abruzzo si contano almeno 28 varietà differenti di tartufo, dal Tartufo nero pregiato (Tuber Melanosporum) Tartufo bianco pregiato (Tuber Magnatum), passando per il Tartufo nero invernale (Tuber Brumale) e il Tartufo nero estivo o Scorzone (Tuber Aestivum).

Il tartufo abruzzese è un prodotto PAT (Prodotto Agroalimentare Tradizionale) e rappresenta un biglietto da visita dell’agricoltura italiana di qualità.

Con il termine ‘PAT’ ci si riferisce a quei prodotti agroalimentari le cui metodiche di lavorazione, conservazione e stagionatura si sono consolidate nel tempo e sono omogenee per tutto il territorio interessato per un periodo non inferiore ai venticinque anni.

Secondo alcune ricerche, in Abruzzo viene prodotto il 40% dei tartufi italiani “e nella regione avviene la miglior raccolta di tuberi di tutto il mondo. Solo nel Parco Sirente Velino, la produzione del tartufo coltivato si estende nella zona della Valle Subequana e in quella della Marsica settentrionale, con diverse varietà e produzioni anche piuttosto significative.” (fonte)

Dove coltivare e raccogliere il tartufo in Abruzzo

Esiste, in Abruzzo come in tutte le regioni d’Italia, una apposita normativa in materia di raccolta, commercializzazione, tutela e valorizzazione dei tartufi.

L’articolo 10 di tale normativa elenca le principali informazioni sulla vocazione tartufigena di ogni provincia abruzzese. Sono informazioni preziose per chi decide di creare una propria tartufaia e coltivare il tartufo in Abruzzo.

Le zone di raccolta riguardano:

  • per il tartufo bianco (Tuber magnatum Pico) – Medio e Alto Sangro, Medio e Alto Vastese, Colline Pescaresi, Colline Teramane, Valle Roveto e Marsica, Colline Teatine;
  • per il tartufo nero pregiato (Tuber melanosporum Vitt.): Aquilano, Marsica e Valle Peligna, Maiella Orientale, Colline Teramane.

Per tutte le altre specie di minor pregio e di più larga diffusione, la zona di produzione corrisponde all’intero territorio regionale.

Lo sai che il tartufo si può adottare?

Proprio così, adesso è possibile adottare un tartufo e avere una rendita annua di tartufo garantita.

Con il nostro progetto Adopt A King, puoi adottare una pianta da tartufo, noi la facciamo crescere e ti garantiamo una rendita annua di tartufo. Poi quando la pianta entrerà in produzione raccoglieremo i suoi frutti e te li invieremo, oppure puoi scegliere di venire a raccoglierli tu stesso, non è fantastico?

Oggi puoi finalmente adottare il prodotto d’Abruzzo tra i più pregiati della cucina mondiale che, senza saperlo, fornisce i migliori tartufi neri a buona parte d’Europa.

Forse ancora non lo sai perché siamo molto di nicchia e solo per pochi clienti selezionati. Per questo ti invitiamo a scoprire di più sul progetto cliccando qui.

Leave a Reply

×

Hello!

Click one of our representatives below to chat on WhatsApp or send us an email to regaltruffle@gmail.com

×
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: